La salute risiede in uno stato di equilibrio bioelettrico che va mantenuto sia a livello cellulare sia extracellulare. Con il contributo del premio Nobel per la fisica Antoine Henri Becquerel è emersa l’evidenza che il corpo umano è elettrizzato per la maggior parte di carica negativa e che quando questa carica diventa insufficiente il corpo si debilita.

Proprio dalla carica negativa dipende la vitalità dell’organismo e quando il suo rapporto con quella positiva è squilibrato, lo stato di salute subisce uno scompenso. Gli studi successivi  hanno permesso di capire come sia possibile agire in profondità, in modo non invasivo, attivando all’interno dell’organismo i naturali processi autoriparativi a vantaggio di risultati rapidi e stabili nel tempo.

IONFLEX è un dispositivo che invia ioni negativi direttamente al cuore delle cellule, apportando notevoli benefici alla salute complessiva della persona. Immettendo ioni negativi, è infatti possibile modulare il potenziale di membrana cellulare e l’attività della pompa sodio-potassio, con riequilibrio dell’omeostasi intra ed extracellulare. https://ioniflex.com/prodotti/

La Ioniterapia Tissutale riesede nella capacità di veicolare gli ioni negativi direttamente all’interno della cellula e quindi ai tessuti.

I disturbi che trovano beneficio grazie alla Ioniterapia tissutale sono:

Asma e allergie

Secondo uno studio pubblicato su “PLOS Medicine” gli ioni negativi possono contribuire a eliminare gli allergeni e gli inquinanti dell’aria dato che molte particelle in sospensione hanno carica positiva o neutra.

Indebolimento del sistema immunitario

Secondo alcuni studi gli ioni negativi riescono a rinforzare il sistema immunitario e accelerare i processi di guarigione in alcuni decorsi di malattie. I primi studi in questo settore risalgono al 1959, mentre il più recente è dei primi anni 2000: essi mostrano in che modo i pazienti sottoposti ad intervento chirurgico, sottoposti a ionizzazione negativa, avessero un recupero decisamente più veloce di coloro che invece non subivano lo stesso trattamento.

La spiegazione fu trovata qualche anno dopo, quando alcuni ricercatori giapponesi scoprirono che l’aria caricata negativamente era in grado di attivare il sistema immunitario, regolarizzare il flusso sanguigno e stabilizzare il sistema nervoso autonomo.

Soglia del dolore

Soprattutto quando veniamo punti da insetti, come ragni, scorpioni o mante, il dolore può diventare insopportabile. Questo perché questi insetti iniettano una grossa quantità di serotonina nel sangue delle proprie vittime. La serotonina è un neurotrasmettitore che si trova nel nostro tratto gastrointestinale e che serve a fare in modo che l’apparato digerente funzioni a dovere. Inoltre, è importante per la regolazione del tono dell’umore, dell’appetito e del sonno.

Alcuni studi dimostrano che quando è in eccesso sarebbe anche responsabile di una maggiore sensazione di dolore: gli ioni negativi sono utili per abbassare i livelli di serotonina nel sangue stimolandone l’ossidazione e convertendola nella sua forma inattiva. Una terapia a base di ioni negativi è quindi in grado di alleviare il dolore.

Squilibri del tono dell’umore

I primi studi sui benefici degli ioni negativi sui disturbi dell’umore, dalla depressione al disordine affettivo stagionale (SAD), risalgono al 1998, e da allora si sono moltiplicati. I risultati mostrano che una maggiore esposizione sia a ioni negativi che a luce brillante, aiuta ad alleviare tali disturbi, favorendo un maggior equilibrio del tono dell’umore.

Salute cardiovascolare

Già nel 1975 un esperimento condotto su alcuni atleti trattati con ioni negativi mise in evidenza un miglioramento delle loro capacità di adattamento cardiovascolare e respiratorio allo sforzo fisico. I battiti cardiaci, la pressione sanguigna e la frequenza respiratoria di ogni atleta tornava ai livelli normali molto prima dell’atteso. Nello stesso periodo uno scienziato russo notava i benefici degli ioni negativi sulla vasodilatazione.

ADHD

Negli ultimi anni si è assistita a una esplosione di casi di ADHD, il disturbo da iperattività e deficit di attenzione. Si tratta di un disturbo che altera la capacità di concentrazione della persona e i sintomi tipici sono: comportamento distruttivo, disattenzione, propensione a distrarsi, ansia, ridotta capacità cognitiva, tendenza a sognare a occhi aperti, dilazione delle attività. Da uno studio del 1984 risultava che i bambini con disturbi dell’apprendimento esposti a ioni negativi avevano un miglioramento della memoria incidentale e dell’attenzione selettiva.

Disturbi del sonno

L’insonnia e altri disturbi del sonno stanno diventando molto comuni non solo fra gli adulti ma anche fra i bambini. Le ultime ricerche mostrano che fra le cause di insonnia ci sia lo squilibrio nella produzione di serotonina. Gli ioni negativi intervengono nel riequilibrio di questo neurotrasmettitore andando quindi a migliorare la qualità del sonno.

Stress e ansia

È stato provato che gli ioni negativi hanno la proprietà di aggredire la serotonina, riducendone la sua presenza nell’organismo; la serotonina è un neurotrasmettitore che regola diversi processi psico-fisiologici, ed ha una forte influenza sul nostro sistema nervoso, arrivando al punto di riuscire a modificare il nostro comportamento. Inoltre, se prodotto in eccesso dal nostro organismo, questo ormone può provocare depressione fisica, mancanza di memoria, inappetenza, ipertensione arteriosa, nervosismo, etc. Quindi regolando la serotonina, si ha un effetto calmante sulla mente riducendo cosi lo stress e l’ansia.

Perdita di peso

Tanti sono i fattori che possono portare a un aumento di peso, non ultimi stress e ansie croniche. Quando si è maggiormente sotto stress, si rischia di ricorrere a cibi consolatori, stuzzichini, snack, che smangiucchiati fuori pasto non fanno che aumentare il peso. Inoltre, una dieta troppo ricca di carboidrati concorre ad aumentare i livelli di serotonina… credo abbiate già capito perché gli ioni negativi fanno bene se si deve perdere peso. Quindi svolgono un’azione benefica su tutto il sistema endocrino, cardivascolare e nervoso.

https://robertogorla.com/trattamento/ioniterapia-ioniflex/