Articolo Azzurro o Articolo Rosso

Mi ha profondamente colpito questo post di Isabelle Tessier, apparso per la prima volta su The Huffington Post US il 25/07/2017 (tradotto dall’inglese da Milena Sanfilippo).

Ho sentito il bisogno di scrivere commenti e riflessioni per poi trovarmi a riscriverne il testo in una prospettiva differente.

Scelgo di proporvi le due versioni riservando in un prossimo articolo gli approfondimenti che vorrei argomentare anche in base ai commenti che vorrete lasciare.

 Articolo Azzurro o Articolo Rosso: a voi la scelta.

 

Voglio essere single, ma insieme a te (di Isabelle Tessier)

Voglio avere una vita da single, ma con te. Così la nostra vita di coppia potrà essere uguale a quella che abbiamo oggi, come single, ma vissuta insieme.

Voglio che tu esca a bere una birra con gli amici. Voglio che, nel pieno dei postumi di una sbornia, mi chieda di raggiungerti perché desideri stringermi tra le braccia e voglio accoccolarmi accanto a te. Voglio che, appena sveglio, parli con me di tutto quello che ti passa per la testa ma che ti senta libero di fare dei piani diversi per il resto della giornata. Io farò altrettanto.

Voglio che mi racconti delle tue serate con gli amici. Che tu mi dica di quella ragazza al bar che non smetteva di guardarti. Voglio che mi scrivi quando sei ubriaco per dirmi cose senza senso, solo per assicurarti che anche io ti sto pensando.

Voglio ridere mentre facciamo l’amore, magari perché ci sentiamo goffi mentre sperimentiamo tra le lenzuola. Voglio che, mentre siamo con i nostri amici, tu mi prenda per mano e mi porti in un’altra stanza perché non resisti più e vuoi fare l’amore con me proprio lì, in quel momento. Già ci vedo mentre cerchiamo di essere più silenziosi possibile per non farci sentire.

Voglio mangiare con te, voglio sentirmi libera di parlarti di me e che tu faccia lo stesso. Voglio immaginare l’appartamento dei nostri sogni, pur sapendo che forse non andremo mai a vivere insieme. Voglio che tu mi racconti dei tuoi piani senza capo né coda. Voglio che tu mi sorprenda, che tu mi dica “Prendi il passaporto, partiamo!”

Voglio aver paura insieme a te. Voglio fare cose che non farei con nessun altro, solo perché con te mi sento sicura. Voglio rientrare a casa ubriaca dopo una serata con gli amici e voglio che tu mi prenda il viso tra le mani, mi baci e mi stringa forte.

Voglio che tu abbia la tua vita, che decida su due piedi di partire per un viaggio. Che mi lasci qui, sola e annoiata, ad aspettare che appaia un tuo “ciao” su Facebook. Non voglio sempre partecipare alle tue serate fuori e non voglio sempre doverti invitare alle mie. Così potremo raccontarcele a vicenda il giorno dopo.

Voglio qualcosa che sia, allo stesso tempo, semplice… ma non troppo. Qualcosa che mi metta in testa mille domande ma che mi consenta di conoscere la risposta appena sono vicina a te. Voglio che pensi che io sia bellissima, che tu sia orgoglioso di dirlo quando siamo insieme. Voglio sentirti dire che mi ami, proprio come farò io con te. Voglio che mi lasci camminare davanti a te così puoi goderti la vista del mio sedere.

Voglio fare dei piani, anche se non sappiamo se li realizzeremo oppure no. Voglio essere tua amica, la persona con la quale ami uscire e divertirti. Voglio che non perda il desiderio di flirtare con altre donne, ma che torni da me sempre, quando la serata volge al termine. Perché forse io sarò andata a casa prima, senza di te. Voglio essere la persona con cui adori fare l’amore ed addormentarti subito dopo. La persona che si leva di torno mentre lavori e che adora osservarti quando ti perdi nella musica che ami. Voglio avere una vita da single, ma con te. Così la nostra vita di coppia potrà essere uguale a quella che abbiamo oggi, come single, ma vissuta insieme.

Un giorno ti troverò.

 

Voglio avere una vita da fidanzata, ma con te (di Elena Ortolan)

Voglio avere una vita da fidanzata, ma con te. Così la nostra vita di coppia potrà essere diversa da quella che abbiamo oggi, come single, ma vissuta insieme.

Voglio che tu esca a bere una birra con gli amici, voglio che se la serata andrà oltre quella birra e sentirai il bisogno di stringermi tra le tue braccia ed io di accoccolarmi accanto a te, tu mi chieda di raggiungerti.

Voglio che, appena sveglio, parli con me di tutto quello che ti passa per la testa ma che ti senta libero di fare dei piani diversi per il resto della giornata e libero di poterli condividere con me. Io farò altrettanto.

Voglio che mi racconti delle tue serate con gli amici. Che tu mi dica di quella ragazza al bar che non smetteva di guardarti solo se saprai rassicurarmi che il tuo sguardo d’amore lo riservi per me. Voglio che tu mi scriva anche cose senza senso, anche solo per assicurarti che anche io ti sto pensando, anche se non hai bevuto fino ad essere ubriaco.

Voglio ridere mentre facciamo l’amore, magari perché ci sentiamo goffi mentre sperimentiamo tra le lenzuola. Voglio che, mentre siamo con i nostri amici, tu mi prenda per mano e mi porti in un’altra stanza perché non resisti più e vuoi fare l’amore con me proprio lì, in quel momento. Già ci vedo mentre cerchiamo di essere più silenziosi possibile per non farci sentire.

Voglio mangiare con te, voglio sentirmi libera di parlarti di me e che tu faccia lo stesso. Voglio immaginare l’appartamento dei nostri sogni solo se posso credere davvero che un giorno potremo andarci a vivere insieme. Voglio che tu mi racconti dei tuoi piani senza capo né coda ma anche di quelli che realmente potremo realizzare. Voglio che tu mi sorprenda, che tu mi dica “Prendi il passaporto, partiamo!” e voglio poterti sorprendere anch’io facendoti trovare le valigie pronte… anche le tue.

Voglio aver paura insieme a te.  Voglio fare cose che non farei con nessun altro, solo perché con te mi sento sicura.    Voglio rientrare a casa dopo una serata con gli amici, ubriaca solo se in quella serata ho potuto averti sempre accanto, pronto a prendermi il viso tra le mani, a baciarmi, a stringermi forte.

Voglio che tu abbia anche una tua vita, che tu possa coltivare le tue passioni senza che ne sia necessariamente coinvolta, che tu possa anche decidere di partire per un viaggio ma dovrai essere capaci di farmi sentire che comunque “mi porti con te”. Così non mi sentirò sola e annoiata e ci emozioneremo insieme, anche se distanti.       Non voglio sempre partecipare alle tue serate fuori e non voglio sempre doverti invitare alle mie. Così potremo raccontarcele a vicenda il giorno dopo. Ma voglio vivere insieme a te la maggior parte delle nostre serate, così il giorno dopo potremo raccontarci di come le abbiamo vissute, condividendo i nostri punti di vista, anche diversi.

Voglio qualcosa che sia, allo stesso tempo, semplice… ma non troppo. Qualcosa che mi metta in testa mille domande e che mi consenta di conoscere la risposta di quelle più importanti appena sono vicina a te e di mantenerne la chiarezza anche quando non ti avrò accanto. Voglio che pensi che io sia bellissima, che tu sia orgoglioso di dirlo quando siamo insieme e quando siamo con altri.  Voglio sentirti dire che mi ami, proprio come farò io con te. Voglio che mi lasci camminare davanti a te così puoi goderti la vista del mio sedere ma anche che saprai farmi strada quando mi sentirai insicura, che mi prenderai per mano e starai al mio fianco quando coglierai il mio bisogno di sentire il tuo calore e il tuo sguardo allineato col mio.

Voglio fare dei piani solo se possiamo credere davvero di poterli realizzare. Voglio essere la persona con la quale ami uscire e divertirti, a volte quasi fossi un’amica. Voglio che pur ammirando altre donne che sapranno colpirti, il tuo desiderio rimanga rivolto a me. E che anche se capiterà di non essere rientrati insieme, ci aspetteremo in un abbraccio senza vestiti e senza dubbi sull’esclusività del nostro amore. Voglio essere la persona con cui adori fare l’amore ed addormentarti subito dopo. La persona che si leva di torno mentre lavori e che adora osservarti quando ti perdi nella musica che ami. Voglio avere una vita da fidanzata, ma con te. Così la nostra vita di coppia potrà essere diversa a quella che abbiamo oggi, come single, ma vissuta insieme.

Un giorno ti troverò.

Dr. Elena Ortolan Psicologa Clinica e Psicoterapeuta, Responsabile C.E.P.I. -Seregno    https://cepiseregno.it/